Community, WordPress e ora anche SiteGround… ecco cosa faccio e cosa amo fare!

Photo by Roberto Cortese

Questo settembre sono entrata a far parte del team SiteGround, passando dal lavoro come freelance al lavoro per una grande azienda. Ero un po' ansiosa perché si tratta di un cambiamento molto importante, ma allo stesso tempo è stato uno sviluppo naturale. Ora, facendo parte del team SiteGround, potrò dedicare ancora più tempo a ciò che amo davvero: partecipare attivamente alla community WordPress. Negli ultimi anni ho organizzato incontri periodici su WordPress e un WordCamp nella mia città natale, Torino. Ho partecipato anche all'organizzazione di WordCamp Europe. Continuerò a fare parte di questi (e altri) eventi di WordPress, a condividere la mia esperienza e a contribuire alla community WordPress. La novità è che farò anche parte di un team incredibile che in precedenza avevo avuto la fortuna di incontrare soltanto ai WordCamp: i ragazzi di SiteGround. Continua a leggere per scoprire come sono finita qui e cosa prospetta il futuro.

Community

Fin da bambina ho sempre partecipato a diverse community. Forse perché sono figlia unica o perché sono sempre stata un’outsider nelle attività ufficiali (scuola, attività doposcuola), ho sempre desiderato stare in compagnia di persone con la mia stessa mentalità. Insomma, dai sei anni in poi ho partecipato e fondato gruppi.

Quando è nato mio figlio, mi sono iscritta a un gruppo che avrebbe cambiato per sempre la mia vita, sia a livello professionale che personale. Il mio rapporto con WordPress è iniziato con un club di lavoro a maglia. Sì! Non lezioni  di programmazione, non un WordCamp, ma un gruppo di donne che realizzavano a maglia copertine per i neonati prematuri. Avevano tutte un blog, perché non l’avevo anch’io? Nel giro di qualche tempo ho cominciato ad aiutare altre persone a creare i loro blog e siti web e così è nata unanuova carriera.

Ma mi sentivo sola: leggevo tutti i blog dedicati alle piccole imprese negli USA, però la sensazione era che i consigli non fosserofacilmente applicabili al mercato italiano. Che cosa deve fare una ragazza in questi casi? Ovviamente, creare una nuova community online per imprenditrici creative in Italia.

WordPress

E poi ho incontrato il progetto open source di WordPress.org: da anni mi guadagnavo da vivere con WordPress, ma non mi era mai saltata in mente l’idea di poter contribuire. Un amico mi ha aiutato a iniziare con le traduzioni, ma quando mi sono accorta che esisteva un team Community in cui avrei potuto organizzare eventi e aiutare altre persone con l’insegnamento ho capito di aver trovato il mio gruppo. E così ho iniziato a organizzare Meetup e WordCamp, cosa che faccio tuttora.

SiteGround

Quando ho scoperto che SiteGround stava cercando un rappresentante all’interno della community di WordPress non potevo credere ai miei occhi!

Mi piaceva molto realizzare siti web, così come l'interazione con i miei clienti, ma avevo la sensazione di volere di più: aiutare più persone, fare più divulgazione, riunire più gente. Com’era possibile fare tutto questo da sola? Semplice, non era possibile. Il modello di attività freelance, purtroppo, non è un modello facilmente scalabile: l'evoluzione naturale è creare prodotti, ma poi si perde l'interazione personale, di cui ho bisogno come le piante aromatiche sul mio balcone hanno bisogno di sole e acqua.

Conoscevo già SiteGround per l'incredibile supporto che fornisce alla community di WordPress in tutto il mondo: SiteGround è sempre presente per aiutare e sostenere la crescita della community WordPress, sponsorizzando e intervenendo ai WordCamp oppure organizzando eventi.

Da quando sono entrata nell'azienda mi sento completamente a mio agio. Ogni lunedì il team si riunisce per colazione, in modo da cominciare la settimana in maniera energica; questo “rito” ci dà la carica, e usiamo tutta questa energia per aiutare i nostri clienti e le diverse community che sosteniamo.

Il mio primo evento come SiteGrounder

Nel fine settimana del 23 e 24 settembre ho partecipato al Freelancecamp in Italia. Negli ultimi sei anni ho lavorato come web designer freelance e sono sempre stata molto legata alla vita dei lavoratori indipendenti, scrivendo libri, gestendo blog e parlando in pubblico: la maggior parte dei partecipanti all'evento mi conosceva come una portavoce dei freelance italiani. Il mio ritorno come rappresentante per una grande impresa un po' mi preoccupava: avrebbero risposto bene al mio cambiamento, sarebbero stati curiosi, mi avrebbero accettato nella community anche se non ero più una di loro? Tutte le paure sono scomparse quando ho messo piede nella location (un bar sulla spiaggia, niente male!): le persone hanno accolto in modo positivo questo cambiamento, anche perché è saltato fuori che molti di loro erano già clienti soddisfatti di SiteGround.it.

Chiacchieriamo!

Nei prossimi mesi sarò in viaggio e parlerò a molti eventi in tutto il mondo. Vieni a trovarmi in uno degli stand, ma preparati: sono una tipa che chiacchiera e abbraccia. l mio collega Hristo ha suggerito che dovrei avere l’emoji di un pappagallo chiacchierone e festaiolo come avatar nel canale Slack aziendale: se ne hai uno bello, inviacelo!

 

Francesca è una speaker entusiasta e appassionata e potete trovarla in Italia o in giro per il mondo a parlare di WordPress, community, open source, donne e tecnologia, piccole imprese. Fa parte della community WordPress, organizza meetup e WordCamp a Torino e prende parte a numerosi eventi WordPress in tutto il mondo.
Oggi è anche WordPress Community Manager in Siteground.

WordPress Community Manager

Francesca è un’oratrice entusiasta e appassionata e potete trovarla in Italia o in giro per il mondo a parlare di WordPress, community, open source, donne e tecnologia, piccole imprese. Fa parte della community WordPress, organizza meetup e WordCamp a Torino e prende parte a numerosi eventi WordPress in tutto il mondo.
Oggi è anche WordPress Community Manager in Siteground.

Risposta

* (Richiesto)